Baldini sul concordato della Viareggio Porto: “Maggioranza pubblica o privata?”

0

baldini

Sulle sorti della Viareggio Porto mi pare che – sbagliando e di grosso – qualcuno giochi a fare campagna elettorale.
A seguito della domanda di concordato in bianco a suo tempo presentata ed oggi arricchita dei contenuti di un piano concordatario proposto all’attenzione del ceto creditorio che dovrà valutarne la concretezza e la fattibilità insieme al Commissario Giudiziale nominato dal Giudice Delegato, si è aperta la normale fase procedimentale che dovrà consumare tutti i passaggi previsti dalla normativa in tema di procedure concorsuali.
Niente di più, niente di meno !
Tanto è vero rimane pendente l’istanza di fallimento in attesa della verifica dell’approvazione del concordato preventivo proposto.
Pertanto, nessuno si attribuisca meriti che non ha ed, anzi, si preoccupi invece di verificare, sin da subito, i contenuti della proposta concordataria.
In particolare con riferimento al mantenimento o meno della quota maggioritaria in capo al pubblico od al privato, tema dal punto di vista amministrativo decisamente centrale rispetto al pericolo che vi possa essere una svendita dei beni pubblici e sul quale anche i Revisori dei Conti del Comune hanno avuto molto da dire.
Aggiungo, altro elemento decisamente importante quanto urgente, la necessità che di pari passo al concordato vadano avanti le verifiche dell’Amministrazione in merito alle gestioni passate della Viareggio Porto (ed alle conseguenti responsabilità di chi ha mal gestito) che hanno portato alla situazione in cui versa la società oggi.
Immagino che nel colloquio avuto con i Sindaci Marcucci, Lunardini e Betti, Del Ghingaro abbia avuto modo di approfondire anche questo tema.

Massimiliano Baldini
Candidato Sindaco
– Movimento dei Cittadini per Viareggio e Torre del Lago Puccini
– Per Torre del Lago Puccini
– Lega Nord Toscana
– Partito Liberale
– Fratelli d’Italia
– Partito Repubblicano
– Area Popolare 

About Author

Avatar

Viareggio Free World Project è nato nel Gennaio 2014, dalle ceneri dell'omonimo progetto 'Viareggio Free World'.

Leave A Reply