Conosci il tuo vicino?

0

Uno studio sulla differente distribuzione dei tratti di personalità a seconda della regione nella quale si abita è stato pubblicato a marzo su PLOS One, rivista scientifica che garantisce ai lettori sia la peer-review* che il libero accesso.

Gli studiosi hanno valutato 400.000 abitanti del Regno Unito al fine di disegnare una vera e propria mappa. Il questionario utilizzato è stato ideato e distribuito su internet grazie alla collaborazione con l’emittente televisiva britannica, la BBC. Delle numerose sezioni del “Big Personality Test” – che noi potremmo soprannominare “Il nostro grasso grosso Test” – gli autori, due ricercatori dell’Università di Cambridge e uno di Helsinki, hanno analizzato le variabili demografiche e i tratti di personalità. Questo perché vi è forte filone di risultati che riscontrato empiricamente un correlazione tra gli indicatori politico-economici, sociali e della salute e la prevalenza (cioè la percentuale attualmente rilevata) di alcune caratteristiche psicologiche. Questa descrizione potrebbe apparire come una riesumazione della frenologia e delle affermazioni antesignane del razzismo, ma soltanto per chi si ferma a leggere le prime righe dell’introduzione (o forse il titolo). Le evidenze rivelano chiaramente, infatti, che i determinanti principali di queste caratteristiche psicologiche, che nel complesso vanno a costituire la personalità del individui, sono ambientali: per esempio, un ambiente non salutare e con una “prevalenza storicamente elevata di malattie infettive” (cit.) contribuirebbe al rafforzamento di tratti di personalità cauti ed evitanti il rischio.

Il clima e le condizioni economiche della regione agirebbero sulla formazione dei valori e delle credenze delle persone. Un altro aspetto interessante di questa ricerche si focalizza sui tratti di personalità di coloro che scelgono di emigrare: tendono forse ad un luogo geografico i cui abitanti hanno tratti di personalità più simili ai loro? Alcuni studi hanno evidenziato che i migranti sono spesso più “creativi” e meno “amichevoli” dei loro conterranei: sperando che questo non debba rivelarsi il tratto di personalità degli apolidi, si spera che essi non debbano andare molto lontano. Sì, perché è stato trovato che la vicinanza geografica è spesso associata ad una similitudine psicologica degli abitanti. Con riferimento alla nostra Italia, questi studiosi ipotizzerebbero forse un’eccessiva similitudine che porta ad un conflitto degli intenti.

I risultati dello studio sul territorio inglese sono davvero divertenti, soprattutto se visualizzati sulla mappa dell’isola. Da questa, è evidente che Londra è rosso pomodoro per le misure di estroversione, mentre è un puntino blu di bassa prevalenza per quel che riguarda coscienziosità e diligenza – circondata tra l’altro dall’arcipelago rosso delle regioni dell’Inghilterra meridionale. Gli scozzesi sono campioni di disponibilità: secondo l’indagine la maggior parte degli abitanti di questa regione sono amichevoli, fiduciosi e gentili. Gli altri tratti, come la nevroticità (tendenza alla depressione e all’ansia) e l’apertura (creatività, non convenzionalità e curiosità) appaiono concentrati, rispettivamente, in Galles e nelle aree metropolitane.

journal.pone.0122245.g001

A parte la curiosità di questi risultati, l’interesse sta nel controllare il loro peso nel determinare le caratteristiche socio-economiche e politiche nelle regioni così evidentemente caratterizzate. Dalle analisi statistiche, è emerso ad esempio che l’estroversione si associa con alti livelli di educazione, guadagno, impiego nel settore terziario, variegatezza sociale ed aspettativa di vita lunga, sia per gli uomini che per le donne.  I risultati, apparentemente intuitivi, non sono sempre così facili da interpretare, visto che la Nevroticità si associa con il livello di criminalità e la tendenza a votare per il partito laburista. La potenzialità, dunque, non sta nel redarre fascicoli collettivi sugli abitanti delle Midlands o di Manchester, ma “nell’approfondire la nostra conoscenza della rappresentanza dei tratti di personalità a livello geografico e dei meccanismi alla base della loro emergenza” (cit). Sembra ragionevole ritenere che l’ambiente sociale, il clima, la varietà etnica e la conformazione del terreno contribuiscano significativamente all’umore, le emozioni, la costruzione della personalità, lo stile di vita ed il tipo di relazioni tra gli abitanti.

Questi lavori potrebbe rivoluzionare il nostro concetto di “personalità, il suo ruolo e l’effetto su processi sociali più espansi” (cit.).

I tratti virgolettati sono stati tradotti da me dall’articolo

Rentfrow PJ, Jokela M, Lamb ME (2015) Regional Personality Differences in Great Britain. PLoS ONE 10(3): e0122245. doi:10.1371/journal.pone.0122245

About Author

Avatar

Nata nel 1988 a Pisa, è vissuta da sempre Viareggio. Diplomata in lingue al liceo Classico/LInguistico G. Carducci di Viareggio, studia sei anni Medicina e Chirurgia a Pisa e si laurea a febbraio 2014. Scrive da sempre, racconti brevi, romanzi e poesie che però di rado lascia sfuggire dai propri cassetti. Attualmente vive in Trentino, dove svolge un dottorato di ricerca in Psicologia e Formazione presso l'Università di Trento. Apparentemente instancabile, il suo svago più amato è scoprire sempre nuove cose (o riscoprirne di dimenticate).

Leave A Reply