Giornate di Primavera 2015: cosa FAI questo fine settimana?

0

Giornate FAI 2015

Si avvicina il fine settimana e la primavera è sempre più nell’aria. Perché non approfittare delle Giornate FAI di Primavera per godersi un week-end in relax e riscoprire i tesori del nostro patrimonio artistico?

Con l’edizione 2015, il FAI ha toccato quota 780 luoghi aperti al pubblico in oltre 340 località in tutta Italia. Vediamo alcune delle mete in Toscana.

Impossibile non menzionare la Certosa di Calci, splendido monastero e sede di uno dei più antichi musei di storia naturale del mondo, secondo classificato al censimento I Luoghi del Cuore 2014, che quest’anno offre ben due percorsi: quello classico, che condurrà i visitatori alla scoperta dei luoghi di preghiera e di vita comunitaria dei monaci, tra affreschi, marmi e arredi, e un percorso alternativo, che comprende la biblioteca e l’archivio, la foresteria laica, la pinacoteca e una visita degli orti fino alle antiche peschiere. Alla volta della Certosa di Calci partiranno inoltre due biciclettate organizzate in collaborazione con Fiab, una in partenza da Pisa domenica 22 marzo alle ore 9.30 (ritrovo in piazza Arcivescovado) e una in partenza da Montecatini sempre la domenica mattina alle 9.30 (ritrovo al bar Stadio di viale Adua, Montecatini Terme). Sempre in provincia di Pisa, segnaliamo inoltre la visita alla Chiesa di San Dalmazio a Volterra, prevista sabato e domenica.

Spostandoci su Lucca, i visitatori avranno la possibilità di scoprire l’acquedotto del Nottolini, realizzato in stile romano dall’ingegnere e artista Lorenzo Nottolini fra il 1823 e il 1855, su ordine della duchessa Maria Luisa di Borbone.

Sempre a Lucca, sarà aperta al pubblico, e animata da incontri musicali, la chiesa di Santa Caterina, una delle più alte e originali realizzazioni di edilizia religiosa barocca a Lucca, luogo segnalato al censimento Luoghi del Cuore 2010, mentre a Pescaglia sarà possibile visitare il teatro storico più piccolo del mondo, il famoso Teatrino di Vetriano, costruito nel 1890 e inserito nel Guinness dei Primati 1997. La struttura misura solo 71 metri quadrati, ma è completa di tutto quanto si richieda a una sala teatrale in piena regola.

Livorno riscoprirà gli interni del Palazzo del Monte di Pietà e dell’adiacente Palazzo delle Colonne di marmo, situati in zona Venezia Nuova, mentre l’orto botanico “Pietro Pellegrini” di Massa offrirà ai suoi visitatori un fine settimana all’insegna della natura, sotto la guida degli studenti universitari in Scienze della Vita.

Da segnalare anche la visita al trecentesco Palazzo Comunale di Pistoia, mentre Prato aprirà le porte di Palazzo Vai e dell’annesso oratorio di San Giorgio (dimora gentilizia settecentesca fra le più prestigiose della città), oltre a proporre un ciclo di incontri e conferenze dedicati alla storia dell’edificio.

Firenze offre un’ampia gamma di mete, dalla Biblioteca Marucelliana alla visita al boudoir e all’annesso bagno veneziano in stile neogotico di Palazzo Marucelli Fenzi fino alle splendide dimore di Villa Corsini a Castello e Villa La Quiete alle Montalve. A Scandicci, inoltre, sarà aperto al pubblico il suggestivo Mulino dei conti Galli Tassi (reperto di architettura industriale del XVII secolo ) e la Piave di San Vincenzo a Torri.

Queste sono solo alcune delle mete che la Toscana propone e tutte vedranno la partecipazione degli Apprendisti Ciceroni, studenti che con l’aiuto dei loro insegnanti e dei Delegati FAI diventeranno guide per un giorno, illustrando gli aspetti storici e artistici dei beni aperti.

Una cosa è certa, questo fine settimana restare a casa sarebbe un delitto!

About Author

Avatar

Leave A Reply