Grande successo per la finale del Concorso di Cortometraggi della X° Edizione Shakespeare Festival 2014 – Ecco i vincitori!

0

10547084_913489548667275_8292118203043010176_o

Si è svolta ieri sera, con grande risposta da parte del numeroso pubblico presente in sala, la finale del concorso di cortometraggi della X° Edizione dello Shakespeare Festival 2014, evento organizzato dalla Next Artists con la direzione artistica curata dalla professoressa Antonella Padolecchia, tenutasi presso la sala Puccini del Centro Congressi Principe di Piemonte di Viareggio e condotta da Andrea Montaresi. La giuria, composta da Adalgisa Mazza, presidente della Fondazione Festival Pucciniano, Mauro Gravina, attore e doppiatore, Francesca Perozziello, esperta di cinema e conduttrice radiofonica, e Gabriele Baldaccini, esperto e critico cinematografico, ha visionato i cinque cortometraggi giunti alla finale di questa competizione: Due giorni d’estate, regia di Luca Dal Canto, L’esame, regia di Cecilia Brianza, The man without head, regia di Lorenzo Mannino, Mother, regia di Chiara Natalini, In pollo veritas, regia di Linda Fratini. Importante è stata anche la possibilità, da parte del pubblico, di decretare un proprio vincitore, attraverso una votazione. Tre i verdetti che dovevano essere decisi e altrettanti sono stati i cortometraggi premiati. Il Premio del Pubblico, che prevedeva un trofeo, è stato vinto dal cortometraggio Mother, realizzato da Chiara Natalini. La giuria, da parte sua, ha avuto il compito di decidere l’esito degli altri due verdetti, ossia quello per il Miglior Cortometraggio e per la Miglior Interpretazione, dandone, naturalmente, la motivazione. Per la Miglior Interpretazione la vittoria, il cui premio consisteva in un trofeo e in una scultura di cartapesta rappresentante una maschera realizzata dai fratelli Luigi e Uberto Bonetti e lavorata dalle sapienti mani di Luciano Lucignani, tragicamente scomparso settimana scorsa, è andata all’attrice protagonista del cortometraggio In pollo veritas, Valeria Milillo, con la seguente motivazione: l’attrice riesce a dar vita a un personaggio che, partendo da un’iniziale insofferenza a causa del tradimento amoroso subito, è capace di essere ironico, con un particolare tocco magico, surreale e affascinante che rappresenta in maniera emblematica lo spirito del cortometraggio. La giuria, inoltre, intende specificare che il premio vuol simboleggiare l’elevato valore di tutto il cast attoriale e la curata ricerca estetica che l’autrice è riuscita a realizzare. Per quanto riguarda, invece, la vittoria per il Miglior Cortometraggio, i cui ambiti premi consistevano in un trofeo, in un’opera d’arte firmata dal giovane Jonathan Farnocchia, in arte Semplicemente Jo, e, soprattutto, nella possibilità di effettuare uno stage presso la Los Angeles Film School in California insieme al regista e docente Simone Bartesaghi, è andata al cortometraggio dal titolo Due giorni d’estate, per la regia curata da Luca Dal Canto. La giuria ha così motivato la sua scelta: il cortometraggio ha la capacità di narrare in modo consapevole e permette allo spettatore di entrare velocemente e facilmente in empatia con i personaggi, concedendo allo spettatore la visione della maturazione dei due protagonisti nel corso della vicenda. Inoltre, l’opera è in grado di esprimere l’universale attraverso il particolare, dando importanza ai temi trattati come quelli dell’arte e della cultura. La cerimonia si è chiusa con calorosi applausi, dimostrando il grande successo dell’iniziativa e facendo ben sperare per un’altra serata all’insegna di questo concorso anche per il 2015, sempre all’interno dello Shakespeare Festival. Prossimo appuntamento per l’edizione 2014 è per Mercoledì 27 Agosto quando, alle ore 21:30, a salire sul palco sarà la Link Academy di Roma con lo spettacolo dal titolo Magic Shakespeare.

 

About Author

Lorenzo Simonini

Nato a Viareggio nella tarda primavera del 1988, ha fatto del Cinema il principale argomento di studi tra Roma e Pisa, senza tralasciare altri rami d'interesse come la Fotografia e la Scrittura.

Leave A Reply