Notizie politiche dai consiglieri di Forza Italia Rodolfo Salemi e Alessandro Santini

0

STATUA

SALEMI (FI): “CARTELLI FANTASMA, LO STATO DELLE INSEGNE DI SEA RISORSE RENDE L’IDEA DEL DEGRADO”

O ci sono i pali senza il cartello, oppure ci sono ancora i cartelli ma il palo è abbandonato a terra.

È questa l’immagine di cura che la città propone nel salotto buono lungo tutta la Passeggiata di Viareggio.

Le insegne, installate da Sea Risorse, avrebbero avuto il fine di ricordare ai frequentatori del lungomare le norme di comportamento per l’utilizzo della aree pubbliche, come l’articolo 3 del regolamento di polizia e decoro urbano “Vietato calpestare le aiuole” e gli articoli 19 e 40 del Verde Pubblico, “Vietato introdurre animali” e “Vietato introdurre veicoli”.

Installate con l’obiettivo di garantire un maggior decoro, sono invece divenute parte integrante del degrado. Con buona pace di chi continua ad attraversare le aiuole lasciandovi veri e propri solchi,  vi porta animali lasciando disinteressati un ricordo o lega le biciclette alle piante.

Condividendo l’obiettivo originale, chiedo al neo Presidente Lepore che intervenga affinché le insegne vengano ripristinate in tempi rapidi.

 

SANTINI:”LEGGE SUI CARNEVALI D’ITALIA FERMA, LE ISTITUZIONI NON ASPETTINO CON LE MANI IN MANO”

La proposta di legge sui Carnevali d’Italia, quella che dovrebbe far arrivare soldi anche a Viareggio, è ferma alla Corte dei Conti in attesa della copertura finanziaria. E’ stata firmata dal ministro Dario Franceschini, come ha annunciato la senatrice Pd Manuela Granaiola dal palco del Carnevale Estivo, dimenticando però di precisare che gli 800 mila euro (non eravamo partiti da 1 milione e mezzo?) non sono laquota destinata a Viareggio ma il budget complessivo da dividere fra i Carnevali che ne avranno diritto. Firmata, dicevo, ma in stand by, in attesa di un ok che nessuno può sapere quando potrà arrivare.
Ma il nostro Carnevale non può aspettare: i maestri costruttori, la città, gli operatori turistici, la stessa Fondazione hanno bisogno ORA di certezze, oggi più che mai legate alla questione economica. Al di là dei proclami della senatrice Granaiola, nella speranza che la Corte dei Conti licenzi quanto prima l’atto legislativo, bisogna muoversi con atti concreti e concretamente in grado di sostenere la Fondazione Carnevale di Viareggio che, da parte sua, sta cercando nuova liquidità.
Tutte le istituzioni devono fare la loro parte: il Comune, perché i costi per spazzamento stradale e polizia municipale non possono più gravare sulla Fondazione; la Regione Toscana, perché le promesse di finanziamento siano onorate; Comune, Provincia di Lucca e Regione, per sostenere la Rete dei Carnevali d’Italia promossa dal commissario della Fondazione Stefano Pozzoli, uno strumento che potrebbe dare più forza e valore alle richieste di sgravi fiscali avanzate dalle manifestazioni, non più singolarmente com’è accaduto finora ma come comparto unico. Una rete di cui il nostro Carnevale è capofila e come tale deve agire.
SANTINI: “PARERE AL CODACONS SU CLASS ACTION CONTRO NUOVI ORARI DI SPAZZAMENTO IN CENTRO”
Dopo aver assistito all’ennesima scena di caos, lunedì in via Sant’Andrea a Viareggio, con le auto bloccate dietro la spazzatrice che tentava di pulire la strada fra auto e motorini lasciati in sosta, ho deciso di richiedere un parere informale al Codacons Toscana per capire se ci siano gli estremi di una class action contro chi ha concepito questo fantozziano calendario di spazzamento meccanizzato in orario pomeridiano.
La class action pubblica ha in generale l’obiettivo di ripristinare il corretto svolgimento di una funzione amministrativa o la corretta erogazione di un servizio. Il profilo giuridico della questione deve essere chiarito da chi, come il Codacons, ha forte esperienza in materia, ma non credo che possa dirsi correttamente erogato un servizio di pulizia stradale meccanizzata eseguito in fascia oraria 16-19 in una zona – il centro di Viareggio, appunto – con tanti negozi e uffici.
E’ un problema per i clienti, che trovano ancora meno posto del solito e, magari, se ne vanno altrove; per i commercianti, che possono subire un danno, in termini di mancato guadagno; per chi, in centro, lavora. E non dimentico i residenti che, rincasando alle 17,30-18, trovano il divieto di sosta attivo e devono portare l’auto chissà dove, salvo poi spostarla di nuovo alla scadenza della fascia oraria.
Per legge il ricorso può essere proposto anche da associazioni o comitati, per tutelare i propri associati purché questi appartengano alla fascia di utenti e consumatori “danneggiati”: il mio appello, quindi, è rivolto anche a Confesercenti e Ascom, perché valutino anche questa opzione nel caso in cui essa si riveli fondata e dall’amministrazione comunale non arrivino segnali di dialogo.

About Author

Avatar

Viareggio Free World Project è nato nel Gennaio 2014, dalle ceneri dell'omonimo progetto 'Viareggio Free World'.

Leave A Reply