Proibizionismo Pt I: Il divieto dell’alcool negli Stati Uniti. Primo vero approccio storico.

0

proibizionismo.alcool.18th_Amendment_Pg1of1_AC

Come primo approccio all’argomento, la prima essenzialità è domandarsi: Cosa significa la parola “proibizionismo” e da dove nasce?

Il termine proibizionismo inquadra il periodo di tempo compreso tra gli anni 1919 e 1933 in cui negli Stati Uniti d’America fu vietata la fabbricazione, la vendita, il trasporto, delle bevande alcoliche nonché la loro importazione e esportazione. 


Proibizionismo e criminalità organizzata. Una storia Made in U.S.A. 
alcapone

Il Proibizionismo e i “ruggenti anni venti” furono indissolubilmente collegati alla nascita del fenomeno noto come gangsterismo, periodo la cui figura di spicco fu Al Capone; la sua fortuna infatti, così come quella di molti altri criminali conclamati e non, fu raggiunta tramite i proventi del traffico di alcool, sfruttando la proibizione e la conseguente crescita esponenziale del prezzo, oltre al fatto che essendo la sostanza in questione non controllata e illecita era possibile utilizzare metodi estranei al comune mercato per imporre il proprio prodotto e/o ottenere condizioni più favorevoli in generale.

All’inizio Capone si rifornì da importatori della Florida, di New York, di Detroit o dai distillatori clandestini di Chicago, per poi rivendere gli alcolici agli Speak-easy, ovvero locali in cui si vendevano bevande alcoliche al pubblico illegalmente, spesso in regime di esclusiva: questo garantiva all’esercizio commerciale prezzi più favorevoli e tagliava, a favore dell’offerente, la concorrenza di altre bande criminali. Anche l’esclusiva, a differenza che nel mercato legale, era ottenuta con mezzi spesso coercitivi, applicando una legge propria che esulava da governo e polizia, la quale tra l’altro veniva sistematicamente corrotta. Fra le bande iniziarono violenti scontri a colpi di Thompson nelle strade delle città allo scopo di guadagnare territorio (esattamente come accade fra le bande di oggi legate al narcotraffico); chi avesse voluto entrare nel mercato avrebbe dovuto armarsi e strutturare un’organizzazione criminale per competere con quelle esistenti.
Si trattava di un giro d’affari nell’ordine dei miliardi di dollari dell’epoca, ovviamente esenti dalle tasse; Capone era il numero uno del business nella città di Chicago, con un accertamento fiscale datato 1927 di oltre cento milioni di dollari. I proventi del “narcotraffico” di Capone venivano reinvestiti in altre attività, legali e illegali, servirono a pagare la sua candidatura in politica e il controllo che egli esercitava sul Municipio, perfino nella figura del Sindaco William “Big Bill” Hale Thompson, Jr., e sulla polizia.
“Ho fatto i soldi fornendo un prodotto richiesto dalla gente. Se questo è illegale, anche i miei clienti, centinaia di persone della buona società, infrangono la legge. La sola differenza fra noi è che io vendo e loro comprano. Tutti mi chiamano gangster. Io mi definisco un uomo d’affari”, ebbe a dichiarare Capone durante una delle frequenti interviste che ormai rilasciava come personaggio pubblico.
Nel 1929 il Congresso votò un ampliamento alla legge sul Proibizionismo: ritenendo che la stessa non avesse funzionato, per quasi un decennio, a causa della sua leggerezza, si approvò una norma che stabiliva pene detentive anche per chi consumasse alcol, mentre fino a quel momento erano vietate solo la produzione, l’importazione e la vendita. La teoria era che, se si arrestava chi beveva, ci sarebbero state meno vittime dell’alcol e dei crimini correlati.
Fino a quel momento, innegabilmente, gli unici che stavano traendo guadagno a vario titolo dalla proibizione erano coloro i quali l’avevano concepita e coloro i quali la sfruttavano per evaderla.

Il divieto del consumo aumentò episodi tragici.
Sequestro e sversamento nelle fogne di un barile di alcool durante il proibizionismo
Si aprì così una fase di forte belligeranza fra la polizia e le bande criminali, in risposta a efferati atti di sangue come la Strage di San Valentino e al conseguente malcontento dell’opinione pubblica, che iniziava a domandarsi se proibire una sostanza fosse il modo più razionale per arginare gli eventuali problemi collegati al suo consumo. Il 14 febbraio 1929, infatti, la banda di Al Capone tese un agguato per sterminare quella del concorrente Bugs Moran: travestiti da poliziotti i suoi uomini fecero irruzione in un garage al 2122 di North Clark Street, sede del quartier generale della North Side Gang, organizzazione capeggiata in passato da Dean O’Banion e guidata poi da George “Bugs” Moran, principale concorrente di “Big Al” nel mercato degli alcolici; allineati i sette presenti lungo un muro, come per un normale controllo di polizia, li fucilarono alla schiena. L’episodio resta a tutt’oggi uno dei più cruenti regolamenti di conti della storia della malavita e destò all’epoca un forte scandalo nell’opinione pubblica.
Venne istituito un regime di tolleranza zero nei confronti della “droga” e degli “spacciatori”: la polizia sparava in modo sensazionalistico ai barili sui camion, spaccava a manganellate le bottiglie nei locali sotto gli occhi dei media, ingaggiava frequenti conflitti a fuoco in strada con i gangster. Le vittime fra gli agenti furono molte, così come quelle fra i cittadini inermi, ai quali bastava un gesto equivoco per finire sotto i proiettili della polizia: la Commissione Wickersham, istituita dal Presidente USA Hoover, documentò decine di casi di vittime civili.
Al Capone venne imprigionato per evasione fiscale ad Atlanta nel 1932, ma molti altri che avevano fatto fortuna col business dell’alcol proibito continuarono a mantenere in piedi il loro impero per decenni, come Lucky Luciano, o provvidero a renderlo completamente legale, come Joseph P. Kennedy, Sr., contrabbandiere di alcol negli anni della proibizione e padre del futuro Presidente degli Stati Uniti John F. Kennedy. I più grossi finanziatori dell’Anti-Saloon League (coloro i quali avevano apportato i maggiori capitali e quindi il maggior potere all’istituzione, ossia Henry Bourne Joy della casa automobilistica Packard e il magnate del petrolio John D. Rockefeller) avevano appoggiato la Temperanza perché ritenevano che gli operai non avrebbero bevuto prima di lavorare o sul posto di lavoro, aumentando e rendendo più efficiente la produttività, e perché avrebbero speso i loro soldi in beni prodotti dalle imprese, piuttosto che sperperarli nei bar.

Personalità più (o meno) note si schierano contro il proibizionismo.
Pauline Sabin, fondatrice della Women’s Organization for National Prohibition Reform, associazione che propugnava la fine del proibizionismo
La verità era però che chi voleva bere, dopo l’entrata in vigore del Proibizionismo, poteva tranquillamente bere ancora, che i lavoratori scarsamente produttivi a causa dell’alcol lo erano ancora meno a causa dei beveroni adulterati che ingerivano (è dovuta al Proibizionismo, ad esempio, l’insorgenza dell’avvelenamento da alcol del legno) e che tramite la proibizione e il relativo decuplicarsi dei prezzi correlato al mercato nero, i cittadini spendevano per bere molti più soldi di prima.
Joy e Rockefeller uscirono quindi dalla Anti-Saloon League e confluirono nella neonata Association Against the Prohibition Emendament. Joy ebbe a dichiarare “Ho fatto un errore. Mi sono stupidamente sbagliato. L’America deve aprire gli occhi”.
Altro motivo fondamentale per il cambio di fronte dei grossi imprenditori, oltre al riscontro delle incoerenze della proibizione, fu che il Governo degli Stati Uniti, avendo perso svariati miliardi di dollari l’anno con la cancellazione della tassazione sulle bevande alcoliche, fu costretto a istituire una nuova tassa che penalizzava le grandi imprese e i contribuenti più ricchi. Passarono così al fronte antiproibizionista anche colossi come la dirigenza di General Motors e il presidente della banca J.P. Morgan Guarantee Trust Co., Charles Hamilton Sabin.
Anche la moglie di quest’ultimo, Pauline Morton Sabin, fu una grande sostenitrice della Temperanza, affermando: “Sono favorevole pensando ai miei ragazzi. Penso che un mondo senza liquori sarebbe un bel mondo”.
Dopo l’esplosione degli Speak-easy e del Whiskey, più pratico da trasportare della meno potente birra, nelle neonate fiaschette da tasca, molte donne iniziarono a cambiare idea. Nel maggio 1929 la Sabin organizzò un incontro presso un albergo di Chicago, rivolto a mogli e madri di famiglie dell’alta società; in quell’occasione dichiarò: “Non vogliamo che i nostri ragazzi crescano nell’atmosfera degli Speak-easy. Prima del proibizionismo i miei figli non avevano accesso all’alcol, ora lo trovano ovunque”. Da quell’esperienza nacque la WONPR, Women Organization for National Prohibition Reform, lega antiproibizionista che dopo due anni contava 300.000 adesioni, dopo quattro anni un milione e mezzo.

Lenta, ma definitiva, abrogazione della legge.
Franklin Delano Roosevelt, il Presidente degli Stati Uniti che promosse il “Repeal”, l’abolizione del Proibizionismo sugli alcoolici
La Sabin tenne perfino un discorso al Congresso degli Stati Uniti, dove venne applaudita da tutti i Parlamentari, molti dei quali, avendo raggiunto quella posizione tramite le Società di Temperanza, non osavano parlare contro la proibizione per quanto fossero convinti della sua erroneità e pericolosità sociale. Il Presidente Hoover, eletto nel 1928, non volle prendersi la responsabilità di abrogare la legge, limitandosi a istituire la Commissione Wickersham per indagare sui risultati della proibizione. Si dovette aspettare Roosvelt che, nella campagna elettorale del 1932, dichiarò di voler cancellare il Proibizionismo, ottenendo l’appoggio della Sabin e di tutto l’elettorato a lei collegato.
Alle ore 17.27 (Eastern Time) di martedì 5 dicembre 1933, si sancì la fine del XVIII Emendamento e del Volstead Act: milioni di Americani poterono acquistare l’alcol liberalizzato e regolarmente tassato, facendo impennare le entrate del Governo: vennero anche creati circa un milione di posti di lavoro collegati all’industria degli alcolici.
Migliaia di affiliati a bande criminali correlate al mercato nero dell’alcol videro andare in fumo, da un giorno all’altro, un business da miliardi di dollari.

Dopo questa lunga introduzione sul proibizionismo, vi invito a rispondere alla seguente domanda:
Non vi sembra un copione già visto (o che si sta vivendo nei tempi recenti)?

A presto con la Parte seconda.

FONTI: 1 

About Author

Avatar

Matteo Provvidenza è nato 25 anni fa a Viareggio. Nel Maggio 2012 ha fondato e redatto il blog di informazione indipendente 'Viareggio Free World' fino al Luglio 2013. Attualmente è redattore principale e fondatore di VFW Project, nato dalle ceneri del precedente, il quale si sta rivelando punto di riferimento per l'informazione indipendente locale.

Leave A Reply